Le migliori 10 campagne del 2016 | CREATIVE SHARING™
17045
single,single-post,postid-17045,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Phelps

Le migliori 10 campagne del 2016

Oggi è l’ultimo giorno di lavoro dell’anno e non poteva mancare un articolo con le 10 migliori campagne del 2016. Prendendo spunto da un editoriale di Adweek, proviamo a riassumere quegli spot che per un motivo o per un altro, hanno lasciato il segno nello storytelling della creatività del 2016. Alcuni di questi hanno già ricevuto nell’anno riconoscimenti importanti nei vari Festival, gli altri, possiamo scommetterci, lo saranno nelle edizioni del prossimo anno.

  1. Under Armour, ‘Rule Yourself: Michael Phelps’
    Al primo posto delle migliori campagne del 2016, non poteva non esserci il nuovo episodio del pluripremiato format ideato dall’agenzia Droga5 per la famosa catena di abbigliamento sportivo Under Armour. Di nuovo, l’obiettivo era semplice: narrare il rigore della formazione agonistica attraverso la lente di Michael Phelps in vista delle Olimpiadi di Rio. Il punto finale è stato sorprendente. Ha regalato una nuova luce su una delle più grandi stelle del pianeta e allo sforzo fisico e psicologico di dedicare la propria vita allo sport e al nuovo al più alto livello.

  2. Audi, ‘Duel’
    L’agenzia Venables Bell & Partners ha prodotto probabilmente lo spot più divertente tra tutti i grandi annunci prodotti nell’anno dal brand Audi. In Duel, infatti, un uomo e una donna si danno battaglia per avere il diritto di parcheggiare la RS7. Quello che ne viene fuori, girato in reverse sense, è una grande coreografia fatta di  acrobazie strabilianti ma, soprattutto, un perfetto payoff e un strategia media geniale costruita intorno ai tre dibattiti presidenziali.

  3. Nike, ‘Da Da Ding’
    Lo spot ha rappresentato il debutto della nuova sede a Dehli di W+K. Una campagna straordinaria che in 3 minuti combatte i luoghi comuni che vedono in India le ragazze non praticare sport per dedicarsi allo studio e al matrimonio. Per questo nobile motivo alla squadra di atletica della nazionale si sono unite star di ogni genere.

  4. Sandy Hook Promise, ‘Evan’
    “Questo video dimostra come sia facile per ognuno di noi trascurare i comportamenti pericolosi di un individuo a rischio e come sia invece molto importante aprire gli occhi per prevenire nuove tragedie”, ha detto un rappresentante della Onlus Sandy Hook Promise, un’organizzazione no-profit che lavora per proteggere i bambini dalla violenza armata. In collaborazione con la campagna nazionale “riconosci i segnali”, lo spot offre uno scorcio nella vita degli studenti delle scuole superiori. Il video mostra la quotidianità di un giovane, tra amori nascosti e amicizie svelate. Le immagini scorrono e lo spettatore non si accorge di ciò che accade dietro Evan: un altro ragazzo progetta il suo piano criminale.

  5. H&M, ‘Come Together’
    Questa volta il brief all’agenzia adam&eveDDB era molto semplice: per avere la più deliziosa tra le campagne di Natale dell’anno, lascia fare a Wes Anderson. Durante le vacanze, un treno è in ritardo a causa del maltempo, ma il conduttore (Adrien Brody) escogita un piano inverosimile per festeggiare il Natale a bordo. Lo spot di quattro minuti è un mini capolavoro di artigianato con un finale sorprendentemente emozionale.

  6. Jeep, ‘Portraits’
    Ovviamente non poteva mancare tra le 10 migliori campagne del 2016, Portraits di Jeep che si è aggiudicata lo scettro del migliore spot all’ultimo Super Bowl. Ideato da Iris New York, per la regia di Brian Sanford, la campagna celebra i 75 anni del brand con una voce fuori campo che accompagna le immagini personaggi famisi piuttosto che di semplici proprietari di una Jeep. Il video è stato ideato per una visione verticale tipica da mobile per essere adattato al 16:9 televisivo.

  7. Kenzo, ‘My Mutant Brain’
    Per il profumo KENZO WORLD il regista Spike Jonze ha creato uno spot/cortometraggio intitolato ‘My Mutant Brain‘ interpretato dall’ex-ballerina/attrice Margaret Qualley. Nel video vediamo una ragazza affascinante annoiata dall’evento sociale a cui sta partecipando, che si sfoga attraverso un ballo energetico sulle note della canzone ‘Mutant Brain‘ di Sam Spiegel, cantata da Ape Drums. Uno spot semplicemente geniale.

  8. Morton Salt, ‘OK Go: The One Moment’
    OK Go ha lavorato con molte etichette di video musicali, ma in pochi casi il risultato è brillante come con il connubio con Morton Salt. La band ha filmato 4,2 secondi di cose colorate (secchi di vernice, palloncini d’acqua, chitarre) per creare un video di quattro minuti integrandolo anche con la famosa iniziativa benefica “Walk Her Walk”.

  9. Old Spice, ‘Rocket Car’
    Non poteva mancare nella classifica delle migliori dieci campagne del 2016 un tributo a Old Spice e alla sua campagna “Rocket Car”. Dopo il format che lo aveva portato a vincere il Festival per tre anni di seguito, il nuovo concept non tradisce l’ironia e la mascolinità del brand.

  10. Apple Music, ‘Taylor vs. Treadmill’
    Sicuramente il migliore utilizzo della pop star più grande del mondo. Taylor Swift canta una canzone (non sua) mentre si allena sul tapis roulant, prima di finire rovinosamente per terra alla fine della campagna. Prima di essere mandata in onda il video è stato postato sul profilo ufficiale di Instagram della cantante per i suoi 94 milioni di follower!

     

    Un 2016 quindi molto interessante dove ironia e creatività si uniscono al crafting produttivo e alla viralità dei social network per creare delle campagne di successo per ispirare consumatori e non solo.

Sandro Volpe
sandro.volpe@kleinrusso.it
No Comments

Post A Comment