CANNES LIONS GP 2016 | CREATIVE SHARING™
17004
single,single-post,postid-17004,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
GP-canneslions-innovation

CANNES LIONS GP 2016

INNOVATION, CREATIVE DATA, CYBER, OUTDOOR, MEDIA, MOBILE GP 2016.

Ieri sera è andata in scena la terza serata di premiazione al 63° Festival Internazionale della Creatività di Cannes. Una serata importante che ha visto l’assegnazione dei Leoni e quindi dei GP (assegnati per ora in ogni categoria) per Innovation, Creative Data, Cyber, Outdoor, Media e Mobile. Andiamo a scoprire insieme i progetti vincitori.

INNOVATION GP 2016

Secondo il presidente della giuria Emad Tahtouh, Google Deepmind è il progetto più innovativo e complesso, ma allo stesso tempo semplice e intuitivo tra tutti quelli presentati. Google infatti si aggiudica il GP Innovation 2016 con la sua piattaforma di Intelligenza Artificiale. DeepMind questa volta si è cimentato nel gioco più antico del mondo: GO. Sfidando (e perdendo) il campione mondiale, ha dimostrato i sui enormi sviluppi che oltre ad essere implementati nella robotica, come benchmark per macchine che imparano dall’esperienza, può avere degli importanti sviluppi anche nell’analisi delle attività del cervello umano.

CREATIVE DATA GP 2016

The Next Rembrand è il progetto di ING che si aggiudica il GP della categoria Creative Data. Un progetto ambizioso che si basa su un software, che dopo aver analizzato le opere del pittore olandese, ha creato con una stampante tridimensionale un quadro che rispecchia lo stile dell’artista. Il ritratto è stato realizzato grazie a un software creato dallo studio delle 346 opere di Rembrandt per riuscire a riprodurre lo stile, la composizione, le proporzioni geometriche e i materiali. Un sofisticato algoritmo consente di dipingere i visi e i modelli umani, alta tecnologia che il team di ricerca ha raggiunto grazie alla collaborazione con il museo della casa di Rembrandt a Amsterdam,  Microsoft, il Politecnico di Delft, il Mauritshuis a L’Aia. Il quadro è stato realizzato con una stampante tridimensionale, con oltre 148 milioni di pixel basati su 168.263 frammenti analizzati, con lo scopo di trasferire al computer l’anima artistica e la tecnica del pittore. Il quadro è stato mostrato alla premiazione.

CYBER GP 2016

Due sono stati i progetti che si sono aggiudicati la più prestigioso premio nella categoria che ha visto crescere enormemente sia il numero di progetti presentati che i Leoni assegnati. Oltre a The Next Rembrand, già GP in Creative Data, il GP è andato a Justino, il protagonista della campagna per la lotteria Loterias Y Apuestas Del Estado. Il progetto sviluppato per la Lotteria con il premio più alto del mondo (2,2 Mio eruo) da sempre unisce tutta la Spagna. La campagna è assolutamente un progetto che va oltre il bellissimo corto di animazione, dove un solitario guardiano notturno di una fabbrica di manichini viene ripagato dai suoi colleghi con un biglietto (vincente of course!) della lotteria per tutte le sue attenzioni (ogni notte escogita un modo per strappaere un sorriso o una lacrima ai suoi colleghi utilizzando i suoi manichini). #Justino, infatti ha un profilo Instagram, mentre su Facebook è presente la pagina della fabbrica. Numeri da capogiro quelli della campagna sviluppata da Leo Burnett Madrid: oltre 1 milione di visualizzazioni nel primo giorno di diffusione del video, trend topic su Twitter (1° in Spagna, 5° nel Mondo).

OUTDOOR GP 2016

Forse non originalissimo, ma sicuramente di successo. Brewtroleum è il carburante prodotto dagli scarti del processo di produzione della birra. L’originale miscela di benzina e bioetanolo, sviluppata da DB Export produttore neo zelandese di birra, è infatti la prima operazione commerciale dopo quasi un ventennio di sperimentazioni. La DB Export ha dato il via alla distribuzione nelle pompe di Auckland. Inizialmente sono stati prodotti 30mila litri di etanolo attraverso la fermentazione dei sottoprodotti del luppolo; successivamente il biofuel è stato miscelato alla benzina super con una proporzione di 1 a 9 e, successivamente, è stato distribuito in 60 stazioni di servizio nel nord dell’isola. Attualmente le auto non sono in grado di funzionare con alte percentuali di etanolo, ecco perché la proporzione è stata tenuta così bassa.

MEDIA GP 2016

Non poteva che essere il progetto più moderno a vincere il GP nella categoria Media: McWhopper di Burger King. Infatti la proposta di creare un panino insieme al suo storico concorrente (Mc Donald’s) ha avuto non solo uno sviluppo digitale in termini di PR, ma è stata perseguita attraverso una serie di affissioni geolocalizzate poste vicino ai fast food della concorrenza dove si invitava il brand a mettere da parte l’ascia di guerra (tante le colombe nelle affissioni) per creare un panino con uno scopo nobile: il supporto ad un’attività di no-profit. Nonostante la risposta negativa di Mc Donald’s, il panino è stato creato sia nel digitale che fisicamente dagli utenti stessi che hanno postato video e foto con il loro Mc Whooper, realizzato appunto prendendo il meglio dal Whooper e dal Big Mac.

MOBILE GP 2016

Il progetto della realtà virtuale del New York Times si aggiudica il Gran Prix nella categoria Mobile. Un progetto molto articolato che portare la realtà virtuale dentro le case degli americani, con una piattaforma di contenuti creata ad hoc.  Sviluppato da T Brand Studio New York in partnership con Google, GE e Mini, dimostra come il mobile può supportare un brand di 165 anni portandolo a un nuovo livello di innovazione, “creando empatia e eccitazione come nessun altro media potrebbe”, ha spiegato il presidente di giuria Malcolm Poynton di Cheil Worldwide.

Per i GP dei nuovi Entertainment Lions e Entertainment Lions for the Music, aspettiamo la serata di premiazione di domani sera. Se vuoi seguire il racconto del 63° Festival Internazionale della Creatività che si tiene a Cannes, lo trovi sulla pagina facebook di creative sharing. À bientôt!

Sandro Volpe
sandro.volpe@kleinrusso.it
No Comments

Post A Comment